Home / Articoli / Teatro senza sbarre
102022
gen
95

Teatro senza sbarre

Un sostegno per i padri detenuti


Essere padri dentro e fuori dal carcere, è questo l’obiettivo che si pone il progetto “Teatro senza sbarre” realizzato all’interno della Casa Circondariale di Taranto dall’A.P.S. T.R.O.I.S.I. Project e realizzato con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese .

Il progetto, avviato nel dicembre 2021, coinvolge 8 papà detenuti in regime di Media Sicurezza. I papà frequentano all’interno del Carcere un laboratorio teatrale, ed un WE al mese il laboratorio si sposta all’esterno coinvolgendo figli, nipoti, mogli e compagne.

L’approccio usato è quello della cura della persona attraverso l’esperienza della “bellezza”, ove per “bellezza” si intende una particolare e profonda forma di risonanza tra persona e mondo, e tra persona e altre persone. I sistemi emozionali che sono alla base dei comportamenti umani possono essere sostenuti nella loro espressione e favorire esiti positivi soprattutto in percorsi guidati, centrati sulle esperienze estetiche, artistiche e naturali, motivo per cui nei WE le proposte coinvolgono l’intero nucleo familiare e abbracciano l’espressione artistica, la cultura e la natura.

I partecipanti stanno lavorando sulla favola di Pinocchio e sulla sua metafora, ma al laboratorio teatrale si affiancano anche visite guidate e passeggiate nella natura, all’insegna di un WE che regala a utenti e operatori momenti indimenticabili.

Per un minore incontrare il proprio genitore in carcere può risultare traumatico. Per questo motivo con il progetto “Teatro senza sbarre” si vogliono aiutare i genitori a mantenere la relazione con i propri figli all’esterno e soprattutto in contesti ricchi di stimoli positivi, con l’obiettivo di favorire il loro sviluppo armonico e prevenire le diverse forme di disagio.

La Direttrice Dott.ssa Fiorentini e il Comandante Dott.ssa Elena Vetrano hanno accolto con favore il progetto e in collaborazione con il Coordinatore dell’Area Trattamentale Dott. Vitantonio Aresta hanno selezionato e coinvolto i detenuti più idonei e assocurato la buona riuscita del progetto.